NITTO ATP FINALS, IL PROFILO DEL TURISTA

Immagine
Corpo

Il turista in visita a Torino durante l’evento Nitto ATP Finals ha un’età compresa tra i 36 e 50 anni con un livello di istruzione medio alto (laureato/ diplomato 85%) i cui interessi sono principalmente focalizzati su cultura (43%), sport e natura (21%).

Dall’analisi emerge che il campione intervistato è caratterizzato da turisti che non erano a Torino per la prima volta, ma che erano già stati altre volte (37%) o vengono sovente in città (31%). Questi visitatori hanno viaggiato con la famiglia (33%) in coppia (25%) o con amici/colleghi (23%) utilizzando l’auto (45%) per raggiungere la destinazione.

La motivazione principale che li ha spinti a venire è l’evento Nitto ATP Finals (60%) essendo in maggioranza appassionati del circuito ATP.
Per ciò che concerne il soggiorno, la permanenza media si attesta su 3 notti o più (40%). Le strutture ricettive preferite sono state da un lato quelle alberghiere (43%) ma bisogna altresì evidenziare la scelta di pernottare da amici/parenti (22%) e in appartamenti ad uso turistico (20%).

La città è percepita in modo positivo: emergono aggettivi che la ritraggono come «bella, elegante» e anche come meta culturale, caratterizzata da importanti tesori artistici. Ne è prova il fatto che oltre la metà dei visitatori 60% ha visitato almeno un museo (al primo posto il Museo Egizio). In ogni caso è altissima la motivazione di visita legata all’appuntamento tennistico come principale attrattore che assorbe la totalità del tempo.

Il livello di soddisfazione della vacanza torinese è decisamente molto buono, infatti l’ 88% ha dichiarato di aver avuto un’esperienza positiva e di voler ritornare una seconda volta (95%). Questa percezione è ulteriormente confermata dal giudizio espresso sui vari servizi della città che raggiungono una valutazione globale molto positiva con una media dei 4,1 /5 (offerta culturale, accoglienza, ricettività, trasporto locale e ristoranti).