Turismo congressuale a Torino: numeri in crescita

Immagine
Corpo

Si è svolta il 18 luglio, a Palazzo Birago la presentazione della ricerca sul turismo congressuale, condotta dall’Osservatorio Italiano dei Congressi e degli Eventi-OICE alla presenza di Alessandra Albarelli e Giulio Ferratini, rispettivamente presidente e vice presidente di Federcongressi&eventi. La presentazione è stata organizzata da Turismo Torino e Provincia Convention Bureau con la collaborazione della Camera di commercio di Torino.

Secondo la ricerca promossa dall’associazione Federcongressi&eventi e realizzata dall’Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano- ASERI, nel 2018 in Italia sono stati realizzati 421.503 tra congressi ed eventi per complessive 597.224 giornate, segnando rispettivamente +5,8% e + 6,7% rispetto al 2017. La durata media, pari a 1,42 giorni, rimane stabile mentre sono in lieve flessione (-2,4%) i partecipanti, 28.386.815, e le presenze, 42.319.349. Il pur leggero segno meno di questi ultimi due dati è dovuto principalmente alla flessione dei congressi promossi dalle associazioni internazionali, fenomeno che indica come l’Italia abbia urgente bisogno di forti azioni promozionali per affrontare la competizione di destinazioni competitor sempre più agguerrite.

I dati torinesi

Nel 2018  si sono svolti 12.133 eventi (+7,3% sul 2017) per un totale di 974.896 partecipanti, 1.334.650 presenze (rispettivamente +1,5% e +3,3% sul 2017) e 15.258 giornate. 2.520 sono gli eventi con una durata maggiore di un giorno che hanno generato il 16,2 % delle presenze negli esercizi alberghieri nella città metropolitana di Torino. Crescono gli eventi promossi dalle associazioni, ma sono le imprese a promuovere il maggior numero di eventi (il 59,7%), che si tengono per il 70,7% in alberghi congressuali.

In linea con l’osservatorio nazionale, per quanto riguarda la provenienza geografica dei partecipanti, la maggioranza dei congressi ed eventi (il 64,2%) ha una dimensione locale: diminuisco gli eventi nazionali e internazionali.