Turismo Congressuale in crescita

Immagine
Corpo

Secondo la ricerca, realizzata dall’Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali (ASERI) dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e promossa da Federcongressi, il settore del turismo congressuale italiano continua a godere di buona salute e ha i numeri per fare del Paese una destinazione ancora più appetibile per ospitare i congressi associativi internazionali, fonti di ricchezza e strumento di promozione della destinazione che li ospita. Nel 2017 in Italia sono stati realizzati 398.286 tra congressi ed eventi segnando un +2,9% rispetto al 2016. Valori con segno più anche per il numero dei partecipanti, delle presenze e della durata complessiva degli eventi: i partecipanti sono stati 29.085.493 (+3,2%), le presenze 43.376.812 (+1,6%) e la durata complessiva è stata pari a 559.637 giornate (+2,8%).


I dati torinesi
A Torino operano 175 sedi congressuali, di cui il 56% rappresentato da alberghi. Seguono le sedi istituzionali (17,7%) e le dimore storiche (9,7%). Nel 2017 si sono svolti 11.303 eventi per un totale di 960.897 partecipanti: 2.300 gli eventi con una durata maggiore di un giorno, che hanno generato l’11,4% delle presenze negli esercizi alberghieri ed extra alberghieri torinesi. Sono le imprese a promuovere il maggior numero di eventi (il 65,2%), che si tengono per il 68,2% in alberghi congressuali. Positive le aspettative per il 2018: il 45,2% dei rispondenti prevede un fatturato stabile, il 41,9 un aumento.

 

Consulta il comunicato stampa